giovedì 6 novembre 2008

Oh me, oh Vita

...era da un po' che non postavo una poesia...ed era da tanto che non leggevo Whitman..oggi avevo voglia di questa poesia.
non lo so...la sento adatta...

-Oh me, oh Vita -


Oh me! Oh vita!
Per queste domande ricorrenti,
Nelle sterminate folle di infedeli, nelle città piene di stolti,
In me stesso, sempre a biasimare me stesso (e chi più stolto di me, chi di me più infedele?)
Negli occhi che invano bramano la luce, nel significato delle cose, nella lotta che sempre si rinnova,
Negli scadenti risultati di ognuno, nelle folle sordide e stanche che vedo attorno a me,
Nei vuoti e inutili anni dell'oblìo, con l'oblìo che a me si avvolge,
La domanda, oh me!
Così triste e ricorrente - Cosa vi è di buono in tutto questo, oh me, oh vita?
Risposta:
Che tu sei qui - che esiste la vita e l'individuo,
Che il potente spettacolo continua, e che tu puoi contribuirvi con un tuo verso.


Walt Whitman

3 commenti:

-Alessia- ha detto...

un saluto!:) -Alessia-

Anonimo ha detto...

bellissima questa poesia...
bacino...
maria

Ska ha detto...

Vero?...stupenda...una delle mie preferite...baci!